Il respiro è ancora adesso sottovalutato da molti, poco considerato, pensando per alcuni di sapere improvvisando senza una base scientifica riferendosi alla classica frase:
“Ho sempre fatto cosi; ma vuoi venirlo insegnare a me che sono 30 anni che faccio questo mestiere?”.
Questa è solo Ignoranza allo stato puro che dovrebbe essere distrutta, punto!

ANDIAMO SUBITO AL SODO

Sai che cos’è il Volume Residuo?

Sai che è facile andare in Iperventilazione senza saperlo?

Sai che ogni Respiro da uno stimolo al cervello che emana ormoni?

Solo conoscere questi elementi al meglio ti fa evitare di sprecare tanta fatica inutilmente e di commettere errori che possono compromettere in modo forte la performance.

Quando ero agonista  ormai tanti anni mi allenavo tutte le sere come un matto, avevo fiato da vendere, correvo per ore addirittura ai colli per aumentare la resistenza, ma poi ugualmente rimanevo spompato alle prime riprese senza capire mai il motivo.

Mi è stato insegnato sempre tutto sulla preparazione tattica, tecnica ecc, ma per quanto riguarda la respirazione non ho mai trovato spiegazioni esaustive sull’argomento.

Mi veniva detto di fare degli inspiri profondi, ma senza sapere bene se prima dovevo inspirare o espirare, quanto, come e perché.

Sinceramente non avrei mai pensato che la respirazione fosse cosi importante per non dire essenziale per quanto riguarda la performance, ma con il passare degli anni quando ho iniziato a studiare  mentre continuavo a frequentare la palestra tutte le sere mi accorgevo sempre più che attuando delle piccole modifiche le performance cambiavano a vista d’occhio.

Questo mi faceva capire che ero sulla strada giusta e che potevo trovare le risposte che non avevo mai capito durante il mio percorso di agonista.

Mi allenavo tutte le sere, e avevo fiato da vedere, correvo per ore senza problemi, ma poi quando salivo sul ring rimanevo spompato già dalle prime riprese.
Umanamente non era possibile avere fiato per correre ore e rimanere spompato dopo soli tre minuti, non aveva senso ma accadeva come accade anche agli altri atleti.

Mi dicevano di allenarmi di più, ma più di cosi che senso aveva? Nessuno!

Il problema era altrove, come nelle altre persone ovvio.

In 13 anni di studio e ricerca ho capito molte cose per quanto riguarda il valore e l’essenza del Respiro nello sport da combattimento, e ho capito gli errori che avvengono dando una spiegazione scientifica del perché sono sbagliati che ti spiego qui sotto.

IL VOLUME RESIDUO

Il Volume Residuo è l’aria che resta nei polmoni dopo un’espirazione forzata.
Il compito di un atleta per rendere al meglio è quello di abbassare questa soglia in modo da ridurre l’aria residua sporca nei polmoni.

Questo è uno degli elementi base per quanto riguarda il buon funzionamento del corpo umano perché mantenere un residuo alto formato da una serie di respirazioni errati porta a un intrattenimento delle tossine nei polmoni.

Queste tossine rimangono nelle cellule e nel sangue, le quali contaminano il corpo a livello muscolare e il cervello che non riceve ossigeno a sufficienza.

Considerando che il cervello consuma circa il 25% di ossigeno pur rappresentando il 5% circa del corpo umano, puoi considerare l’impatto che ha sul corpo respirare in modo errato.

IPERVENTILAZIONE
LE CELLULE BLOCCANO L’OSSIGENO

Iperventilazione vuol dire introdurre più aria del necessario creando una iperacidità del sangue causata da un eccesso di CO2, e questo capita molto più spesso di quello che si pensa.

Questo scambio errato tra ossigeno e anidride carbonica porta che le particelle di assiemoglobina nel sangue (cellule) trattengono l’ossigeno rifiutando di lasciarlo ai tessuti, facendo soffrire cosi gli organi per una mancanza di ossigeno anche se saturi.

Ricordati che sia in IPO che in IPER l’ossigenazione è dannosa per l’organismo, per una performance ottimale serve conoscere come calibrare ogni respiro in base all’esigenza del corpo.

Ovviamente nello sport da combattimento essendo uno sport di contatto bisogna considerare che si prendono colpi, se le danno, bisogna sentire quello che dice il maestro ecc, e la cosa si complica.

RESPIRO E PSICHE

Il respiro è fondamentale in una performance perché è strettamente collegato alle emozioni; ogni tipo di respiro è codificato ad una emozione specifica la quale da impulsi al cervello che emana ormoni. Questi possono essere buoni o cattivi, la differenza sta solo dai tipi di impulsi che noi diamo, il resto è tutto automatico al di fuori della nostra coscienza.

Tutti gli atleti si allenano alla grande perfettamente, ma poi fanno cilecca perché la tensione fa brutti scherzi, ma se valutiamo bene il fatto che il respiro è la prima parte che viene influenzato dalle emozioni, se respiri male crei un circolo vizioso interno che va a limitare la velocità, potenza, precisione, resistenza per i motivi descritti sopra.

Ne vale la pena? Credo proprio di no.

IL METODO FLOW

Imparando a respirare in modo preciso e sensato calibrando quindi Inspirazione ed Espirazione potrai bloccare questo processo negativo fin da subito eliminando gli sprechi inutili di energia che ti tolgono il fiato e lucidità mentale.

Questo Metodo è il frutto di ormai 13 anni di ricerca testato in moltissimi atleti Top in tutta Italia.

Questo Metodo funziona a livello organico e ti permette di aumentare la Resistenza grazie anche alla capacità di regolarizzare il battito cardiaco perché le cellule smettono di trattenere l’ossigeno causato dalla saturazione, ma riprendono il rilascio naturale, quindi il sangue diventa più fluido e ne ricava beneficio i muscoli e il cervello portando:

Aumento della Velocità e Precisione
Aumento della Potenza e scioltezza nei colpi
Eliminazione degli sprechi di energia
Aumento della lucidità e concentrazione
Aumento la resistenza nel combattimento

Non so se in questo momento ci credi oppure no, ma ti consiglio di guardare questi video per vederne gli effetti su un gruppo di atleti.

Questi  video  sono stati fatti dopo ore di allenamento pratico, e come potrai vedere sono tutti tranquilli.

Ricordati che il respiro è la base di tutto, e non ci si può improvvisare per ritenersi capaci di respirare in modo adeguato e calibrato, assolutamente no!
Serve la conoscenza dell’anatomia e capire il motivo del Perché sono errati, e solo allora si può accettare la validità del Metodo.

COSA OTTERRAI CON IL METODO?

Diminuirai il Volume Residuo nei tuoi polmoni che ti permetterà di avere un sangue più ossigenato, più pulito, e quindi una maggiore  Eliminazione delle Tossine Metaboliche e acido lattico portando un Aumento della Resistenza Fisica e della Lucidità Mentale.

In poche parole, avrai sempre fiato per combattere e sarai libero di esprimerti al meglio sul Ring senza più la paura di combattere a risparmio per paura di rimanere senza fiato; Basta!

Se vuoi anche tu risolvere una volta per tutte i problemi di fiato, puoi imparare il Metodo sia nella Tua palestra, che direttamente in Video Chiamata Skype.

Metodo Flow con Fabio Turchi – Rimini

Metodo Flow con Cristian Faustino – Bologna

Testimonianza di Domenico Valentino dopo un lavoro fatto interamente a distanza su Skype per la vittoria del Titolo Italiano.

 

Vuoi esprimere al meglio le tue capacità fisiche e mentali nel ring e superare la paura di rimanere senza fiato definitivamente e le seghe mentali e smettere di dare retta alle menti del 1670?

Vuoi allenarti in giusto e avere la certezza di avere sempre fiato mentre combatti, o preferisci lasciare che siano altri a pensare per te?

Impara anche tu il Metodo Flow per rendere al meglio quando combatti, puoi farlo direttamente nella tua palestra o a casa Tua tramite Skype.

Potrebbero interessarti

CLICCA QUI

CLICCA QUI

 

 

Iscriviti al gruppo facebook: The Mind Fighters

Emanuele Zanella – Mental Analogista
Specializzato in Sviluppo dello Stato di Flow e Respiro Rigenerativo, Esperto nello Sport da Combattimento.