IL SEGRETO DELLA RESISTENZA NEL CALCIO!

Il principio cardine di un atleta vincente è saper entrare in campo con la mente sgombra a le gambe pronte e scattare fino alla fine della partita.

Per fare questo serve spazzare via le vecchie convinzioni, le leggende metropolitane limitanti senza una spiegazione scientifica e lasciarsi travolgere come un tornado dai propri competitor. 

Lasciarli a bocca aperta e far si che dentro la loro testa si pongano la domanda "Ma come ha fatto?"

Per fare questo non serve la fortuna, ma servono delle competenze fuori dagli schemi ordinari, che gli altri non hanno, e per avere questo serve una mente aperta alle innovazioni.

O sei avanti, o sei indietro!

Se vuoi essere un vincente devi avere un metodo che ti permetta di toccarlo con mano, smettendo di affidarti ai metodi insegnati dai nostri nonni.

Ancora adesso esistono esseri umani nello sport che pensano che per essere degli atleti vincenti il segreto sia allenarsi duramente e costantemente.

MOSTRUOSO!!

La preparazione atletica per quanto riguarda l'aumento della resistenza ormai ha fatto passi da gigante, ma il punto dolente che ancora adesso nel 2020 ci sono persone che non vogliono comprendere è che il corpo non è formato solo da muscoli, ossa e  tendini, ma ha anche  dei polmoni che sono strettamente collegati al cervello.

Se un allenatore o atleta non prende questi elementi in considerazione, lascia che ti dica che sta sprecando energia, fatica e vittorie al vento perché credono ancora alle vecchie convinzioni.

Ricordati che le stronzate ripetute all’infinito finiscono spesso per sembrare vere, e quando viene presentato una versione differente, per quanto sia scientifica e verificabile, la mente granitica piuttosto di mettersi in discussione preferisce perdere la vita, oltre che l'onore, reputazione, obiettivi e il successo che si era stabilito di avere.

L'essere umano a volte è davvero misterioso!

Poi c'è l'esercito di tutti quelli che ritengono sia giusto solo perché si è sempre fatto cosi dicendo tali frasi" mio nonno ha sempre giocato a calcio pur avendo la quinta elementare".

Il fatto che tuo nonno abbia avuto successo 50 anni fa giocando bene a calcio, non significa che ancora oggi si debba snobbare lo studio e l'innovazione a continuare a ripetere le stesse cose, perché a questo punto iniziamo a correre con i cavalli e carrozza, buttiamo via i telefoni, pc e pure gli integratori venduti oggi come formule magiche.

E invece nella realtà, accade il contrario.

Verso la fine della partita le gambe diventano dure e legnose, si inizia a far fatica a giocare e passare la palla, e da quel momento inizia anche la stanchezza mentale.

Una parte di te lotta per combattere, ma un'altra parte di te lotta per mollare e accentuare la stanchezza e la debolezza che hai in quel momento.

Una brutta sensazione che nel proseguo della partita aumenta, specialmente se si subisce un goal dagli avversari.

I tiri diventano imprecisi, inizi a fare confusione, inizi a guaradare per terra e sentire un peso nelle spalle e nelle gambe che ti limita.

Probabilmente starai pensando che questa sia la classica pagina da venditore di fumo, ma ti chiedo per un attimo solo di mettere da parte la tua parte critica, e leggere attentamente ogni parola in modo da analizzare in modo obiettivo e razionale ogni singola nozione che leggerai su questo argomento poco conosciuto, e di sicuro una volta appreso ne resterai affascinato!

Ricordati che stiamo parlando di anatomia, di meccanica respiratoria, non di teorie!

E' un metodo di respirazione innovativo che ti permette di sfruttare in modo ottimale le piene funzioni psicofisiche del corpo lavorando sulle scariche ormonali a comando solo modificando la meccanica respiratoria che può essere applicato sia nel CICLISMO che nella CORSA.

L'anno scorso è stato fatto la prima prova ufficiale con la squadra ABC di Bagnoli (PD) all'inizio della stagione in collaborazione con il Mister Stenao Trombini, e i dati parlano chiaro.

Vittoria del campionato con 75 goal fatti quasi sempre verso la fine della partita. Se sei un esperto, capirai bene che questo non è un caso di fortuna, ma di RESISTENZA, e questa viene aumentata dalla capacità di RECUPERARE.

GUARDA IL VIDEO TESTIMONIANZA DEL MISTER
DELLA SQUADRA STEFANO TROMBONI QUI SOTTO!

ANCORA OGGI IL 99,9% DEGLI ATLETI IGNORA L'IMPORTANZA DELLA RESPIRAZIONE

Il Respiro è ancora adesso sottovalutato dalla maggioranza degli atleti senza sapere che è ritenuto il VERO INTEGRATORE CORPOREO NATURALE determinante per quanto riguarda l'aumento delle performance sportive!

Ti sei mai chiesto veramente se la respirazione può essere decisiva nella tua performance?

Chi ha esperienza di calcio o anche di corsa, sa bene che nel momento in cui si accumula acido lattico, le gambe si gonfiano e si sente una pressione a livello muscolare che fa percepire maggiormente la fatica.

Tutti vogliono avere la gambe pronte per gli scatti successivi dopo uno sforzo, ma non sempre questo avviene cosi facilmente perché si percepisce il dolore, che causa anche un indebolimento mentale.

Ancora adesso molti sottovalutano la respirazione perché si affidano alle classiche leggende dei nostri nonni come quella di respirare con la bocca per introdurre più ossigeno quando si ha fame d’aria, senza sapere che questo è un errore gravissimo perché incide negativamente sulla performance.

Vuoi sapere perché?

La risposta è semplice, perché stai andando in iperventilazione e stai aumentando il volume residuo, quindi l' ERRORE MIGLIORE per fare molta più fatica del dovuto e sprecare molte energie inutilmente.

Ovviamente saprai bene che questo comporta anche un decadimento della potenza nelle gambe perché la fatica aumenta, il sangue non scorre più liberamente e ci si riempie di tossine.

Si hai letto bene!

Il compito di un atleta top per rendere al meglio è quello di abbassare la soglia del Volume Residuo (l’aria che resta nei polmoni dopo un’espirazione forzata) in modo da ridurre l’aria residua sporca nei polmoni perché altrimenti rischia di introdurre molto ossigeno ma senza usarlo perché si è già saturi.

LA BUGIA CHE TI HANNO SEMPRE DETTO

Fin da bambini ci hanno sempre insegnato che quando si pratica uno sport e ci manca l'aria di fare dei bei RESPIRI PROFONDI per incamerare aria, e detto in modo più specifico "ossigeno".

Questa è la più grande menzogna che ci è stata messa in testa da non so quale ideale preso senza nessuna base.
E si, questa teoria vecchia non ha alcuna base scientifica e dimostrabile, ma si basa su le classiche leggende metropolitane.

Immagino che avrai sentito dire molte volte la classica frase "respira profondamente" ad atleti quando manca l'aria, ma ti sei mai chiesto se FUNZIONA VERAMENTE?

Ci è stato insegnato anche INSPIRARE profondamente quando abbiamo bisogno di OSSIGENO senza mai valutare se i polmoni in quel momento hanno più bisogno di SVUOTARE piuttosto che RIEMPIRE, e senza mai valutare che muscoli attiviamo.

Esiste una legge che dice che per riempire un vaso pieno prima bisogna svuotarlo!
Molto semplice e logica, ma che nessuno mette in pratica nella respirazione.

Non si più riempire un vaso pieno!

Immagina di avere i polmoni pieni di "aria sporca" che devono essere svuotati e con il battito cardiaco alto, quindi sotto sforzo in cui senti i polmoni gonfi e le gambe affaticate, secondo te ha senso in quel momento pretendere di "buttare dentro aria" se questi sono ancora pieni?

In più la cosa peggiore è che inspirando con la bocca non si riesce a calibrare, perciò entra aria a caso oltre che non trattata come avviene dal naso.

Se quando abbiamo il fiatone iniziamo a buttare dentro aria di più di quello che espiriamo facciamo tanta fatica per nulla perché siamo costretti ad aumentare la pressione per introdurre ossigeno facendo delle inspirazioni forzate.

Non è detto che un respiro profondo sia efficace e funzionale, ma può essere anche DISFUNZIONALE perché ogni Respiro è collegato a una Emozione, e quindi in base al tipo di Inspirazione o Espirazione do uno stimolo emotivo al cervello.

È importante capire che l'inspirazione deve essere fatta con il naso, in più deve essere sempre minore dell'espirazione per evitare di intasarsi.

L'IPERVENTILAZIONE BLOCCA L'ASSORBIMENTO
DELL'OSSIGENO NELLE CELLULE

lo sapevi che la maggior parte degli atleti quando corrono vanno in iperventilazione senza averne la minima idea pensando di fare la cosa giusta?

Quando manca l’aria si tende a respirare con la bocca pensando di introdurre più aria, ma senza sapere che respirare con la bocca crea disidratazione.

Ora pensa un attimo alle conseguenze che questi errori comportano nel corpo e nella mente quando devi correre tanto. Un disastro!

Ma cosa vuol dire iperventilazione nello specifico?

Vuol dire introdurre più aria del necessario creando una iperacidità del sangue causata da un eccesso di CO2, e questo capita molto più spesso di quello che si pensa.

Questo scambio errato tra ossigeno e anidride carbonica porta che le particelle di assiemoglobina nel sangue (cellule) trattengono l’ossigeno rifiutando di lasciarlo ai tessuti, facendo soffrire cosi gli organi per una mancanza di ossigeno anche se saturi.

Ricordati che sia in IPO che in IPER l’ossigenazione è dannosa per l’organismo.

TUTTO QUESTO PROCESSO ERRATO DI RESPIRAZIONE AUMENTA IL VOLUME RESIDUO CHE DESTABILIZZA IL FUNZIONAMENTO NORMALE DEL CORPO.

EMANUELE ZANELLA - N1. MENTAL COACH ANALOGISTA PER ATLETI SPORTIVI

ESPERTO DI TECNICHE DI RESPIRO RIGENERATIVO

Questo è un INNOVATIVO SISTEMA di RESPIRAZIONE RIGENERATIVA si chiama METODO FLOW che ha riscosso molto successo in molti sport di Endurance

Dopo anni che ha girato l'Italia facendo corsi di questo genere, gli è stato detto da chi ha imparato il Recupero Rigenerativo che lo ha anche applicato nel ciclismo ottenendo risultati incredibili.

All'inizio non aveva considerato questo sport, ma con il passare del tempo aumentavano le persone che gli confermavano questo aspetto e ha ricercato tutti come codificare al meglio il metodo per adattarlo al ciclismo  e al calcio per ottenere risultati tangibili e visibili fin da subito.

Nel ciclismo questo metodo è stato definito come un vero DOOPING NATURALE per il sorprendente incremento delle performance, quali resistenza, potenza, recupero e lucidità mentale.

IMMAGINO TU SIA ANCORA SCETTICO, ALLORA GUARDA
QUESTO VIDEO SUL RECUPERO RIGENERATIVO IN AZIONE

Hai visto il video? Solo modificando il Respiro il recupero si è dimezzato!

Ora immagina di applicare questo tipo di respiro mentre aspetti la palla, quanto saresti in grado di recuperare? Avresti gambe pronte e scattanti!

ANCORA SCETTICO? GUARDA
IL VIDEO SUL CICLISMO

Come puoi notare, il Metodo funziona in ogni sport per il semplice fatto che si basa sulla meccanica umana.

TUTTI I VANTAGGI PER CHI CONOSCE LE TECNICHE DI RESPIRAZIONE DEL METODO FLOW

I vantaggi di imparare le tecniche respiratorie del Metodo Flow per respirare in modo adeguato nel momento in cui il cuore ti scoppia e la testa ti dice di fermarti sono:

Riuscirai a svuotare le gambe di acido lattico...

Riuscirai a sbloccare le gambe imballate in meno di 1 minuto...

Riuscirai a gestire i crampi alle gambe ...

Riuscirai ad Aumentare lo scatto...

Riuscirai a Spostare in avanti l'asticella della soglia del dolore...

Rientrare dalla crisi non solo fisica ma anche mentale...

Aumenterai la lucidità mentale per mantenere lo sforzo più a lungo...

Abbassare il battito cardiaco (minimo 5) nel momento in cui è al suo picco massimo...

Pulizia e ossigenazione del sangue..

Si ha la sensazione di soffrire di meno durante uno sforzo più o meno prolungato..

Sarai in grado di recuperare velocemente dopo ogni scatto..

 


Il Metodo Flow è l'unico sistema che ti insegna diversi modelli di respirazione rigenerativa che ti permettono di RECUPERARE in tempi record durante lo sforzo fisico aumentando la RESISTENZA, la spinta nelle gambe e la soglia del dolore.

Si, hai letto bene, con le tecniche di respirazione che imparerai ti sarà possibile RECUPERARE DURANTE LO SFORZO FISICO, RIPULIRE LE GAMBE DALLA STANCHEZZA , L’ ACIDO LATTICO E LIBERARE LA MENTE DAI PENSIERI NEGATIVI mentre continui a correre per il semplice fatto che lavori con sangue purificato e ricco di ossigeno!

Il Metodo Flow che insegno ai miei corsi è la somma di una serie di tecniche innovative di respirazione che bloccano fin dall’inizio la produzione di scorie nel corpo, quindi fa lavorare i muscoli sempre con ossigeno puro e privo di tossine.

Le mie promesse sono queste, quando avrai imparato le tecniche di RESPIRAZIONE RIGENERATIVE del Metodo Flow:

Sarai in grado di recuperare velocemente in meno di un minuto dopo lo sforzo;

Sarai in grado di ripulire le gambe dalla stanchezza e dall’acido lattico e riprende a spingere nei pedali;

Sarai in grado di liberare la mente dai cattivi pensieri negativi che affiorano quando arriva la stanchezza;

Potrai ritrovare la forza mentale e la motivazione di spingere nei momenti duri;

Sarai in grado di ridurre fin dalla partenza la produzione di acido lattico nella gambe e avere le gambe sempre pulite;

Questi risultati straordinari sono possibili perchè il Metodo Flow si basa sulla respirazione detta “rigenerativa meccanica guidata”e non su quella naturale e fisiologica di cui sei abituato.

Sto parlando di come partire assolutamente da zero ed essere in grado ugualmente di impostare il tutto (anche grazie alla mia personale attenzione nei tuoi confronti)

LE VARIE APPLICAZIONI DEL METODO FLOW NEL CALCIO

Il Metodo Flow ha un protocollo completo per ogni fase della  partita a partire dalla gestione dello spogliatoio, tutte le varie azioni di gioco (scatti, recuperi, allunghi), e una serie di esercizi specifici per valorizzare al meglio i 15 minuti di recupero tra un tempo e l'altro.

Ogni singola sequenza è stata studiata per dare appositamente per un supporto fatto su misura per ogni situazione specifica per il calciatore per rendere al massimo con minimo sforzo, eliminando ogni forma di spreco di energia.

Eliminerai prima di tutto ogni errore respiratorio che ti condiziona negativamente a livello fisico e mentale, e una volta appreso il Metodo Flow ti stupirai degli effetti che questo tipo di respirazione ti può dare.

Applicando il Metodo Flow intutta la partita, avrai una marcia in più rispetto gli avversari che ti darà la possibilità di spingere maggiormente grazie alla diminuzione dei tempi di recupero, e quindi una maggiore sicurezza di giocare.

A me personalmente non serve sfruttare alcuni trucchi psicologici che utilizzano alcuni personaggi per convincerti...se non sei convinto.

Questi trucchi a me non servono perchè ho dalla mia parte la forza dei risultati e del valore che molti atleti nel tennis, nello sport da combattimenti e nel ciclismo hanno ottenuto.

Mi limiterò a dire questo: in pochissimo tempo a partire da adesso è possibile imparare questo Metodo che ti cambierà la vita da sportivo per sempre.

Tutto qui. Questa è la mia promessa, il resto naturalmente, l'impegno a partecipare a questo workshop (qualunque sia la tua località di abitazione) dovrai mettercelo tu.

Ci alleneremo in campo direttamente fino ad raggiungere una perfetta esecuzione del metodo al punto da sorprenderti da quello che la squadra sarà in grado di fare.



shadow-ornament

"Di regola, l’uomo che ha più successo nella vita è colui che ha più informazioni"
(Benjamin Disraeli)